Spesso mi è stato chiesto un consiglio per scegliere il PC perfetto per il proprio lavoro, conoscendo la mia passione pluridecennale per l’informatica nonché la professione che ho sempre svolto. E’ difficilissimo rispondere a domande così generiche, soprattutto perché ormai il mercato è estremamente vasto ed è in grado di offrire un prodotto giusto praticamente per ogni esigenza.

Nel corso degli anni, comunque, sono arrivato alla conclusione che consigliare un marchio o un modello piuttosto che un altro è un po’ come affermare che una marca di automobili è meglio di un’altra. Se il vostro interlocutore è un appassionato di prodotti Apple, difficilmente vedrà qualcosa di differente da un Mac anche per la sua vita lavorativa, esattamente come un appassionato di BMW farebbe dovendo scegliere anche semplicemente un auto per svolgere il proprio lavoro. Ho elaborato però un decalogo di suggerimenti che si rivelano (spero) piuttosto utili per scegliere il perfetto PC per l’ufficio.

PC per l'ufficio
Un PC adatto per l’ufficio deve avere caratteristiche di affidabilità e robustezza fuori dal comune.

1) Valutate se acquistare un desktop (un pc fisso) oppure un laptop (un PC portatile). Non esiste una scelta perfetta, anche perché ritengo che oggi la distanza di costo e di prestazioni fra i due tipi di Personal Computer non sia tale da preferire un sistema rispetto ad un altro. Se però la vostra professione non vi richiede di stare costantemente in giro, ma di lavorare piuttosto sempre nel vostro ufficio, vi consiglio di prendere in considerazione l’acquisto di un desktop. Le ragioni sono semplici: tastiera e monitor sono molto più confortevoli rispetto ad un laptop, oltretutto se scegliete con attenzione una configurazione adatta, potrete anche disporre di soluzioni non troppo costose per proteggere i dati adeguatamente: basta un disco esterno sempre collegato, oppure una configurazione che preveda i dischi in RAID per avere un buon livello di protezione da guasti accidentali. Investite magari nell’acquisto di un tablet oppure di uno smartphone con schermo ampio (un Phablet per usare una terminologia oggi in voga) per dotarvi di uno strumento in grado di offrirvi le comodità e i servizi dell’ufficio anche quando siete lontani).

2) Valutate con attenzione il sistema operativo in dotazione. Se il vostro lavoro non vi richiede l’utilizzo di software particolari da installare direttamente sul PC, ma si svolge prevalentemente con una suite Office (tipo Word ed Excel per capirci) e con servizi accessibili attraverso un browser web, un sistema si equivale all’altro. Anzi, in questo caso un sistema Apple potrebbe essere un candidato ideale, se non avete particolari limiti di spesa. Privilegiata quindi o la solidità del software (come nel caso dei sistemi Apple, che volendo appagano anche il vostro gusto estetico) oppure sulla solidità dell’hardware (come gli indistruttibili PC della linea small office di Dell, oppure i laptop della serie Thinkpad di Lenovo). In questa seconda evenienza, anche un sistema Windows svolgerà egregiamente le sue funzioni. Se volete risparmiare sulle licenze di Microsoft Office, tenete in considerazioni che esistono numerose alternative gratuite di ottimo livello e completamente compatibili con i formati Office (Libreoffice soprattutto), che vi consentiranno di risparmiare almeno 200 Euro sull’acquisto del PC. Oppure rivolgetevi all’ottima suite in Cloud di Google che è gratuita (pagherete solo lo spazio occupato in Cloud oltre i 15 Gb).
Se però la vostra professione vi richiede l’uso di software particolari da installare sul vostro PC, vi sconsiglio di allontanarvi da soluzioni basate su Microsoft Windows. E’ pur vero che è possibile sia con un Apple che con una installazione Linux emulare in modo efficiente numerose applicazioni Windows, ma spesso e volentieri i produttori di software non vi supporteranno, né sarete mai del tutto certi di non incappare in qualche malfunzionamento o incompatibilità. Optate su un modello basato su Windows, la cui licenza è fornita insieme al vostro computer.

3) Quale versione di Windows? Allo stato attuale, soprattutto per i PC di uso aziendale, la maggior parte dei prodotti in commercio adotta in maniera universale Windows 10.
Rimane da chiarire se acquistare una licenza “Standard” o una licenza “Pro”. I dettagli e le differenze fra le due versioni, oltre al costo, sono diverse e piuttosto noiose da analizzare. Sarete comunque obbligati a scegliere una versione “Pro” del sistema operativo se dovrete collegarvi ad un server basato su Windows e che utilizza i servizi Active Directory per il riconoscimento dei propri utenti. Se invece utilizzate il PC autonomamente, oppure in una rete che non si poggia su server, ma solo di altri PC come il vostro, siete liberi per optare per una licenza o l’altra. In tal caso, la differenza di costo fra le due versioni non è giustificabile.

4) Scegliete in base alle licenze software offerte. Il costo dell’hardware, oggi, incide probabilmente molto meno rispetto al passato rispetto al valore del software che vi viene offerto insieme al PC che acquistate. Entrare in possesso dell’ultima versione di Windows, dell’ultima edizione di Office o di una suite evolute di gestione della sicurezza (tipo Norton o McAfee), può essere enormemente più economico se acquistate un nuovo PC, piuttosto che ricorrere ad aggiornamenti e adeguamenti richiesti in termini di dotazione del vostro PC. Fate bene i vostri conti: comprare il nuovo spesso conviene. E’ ovviamente una scelta deliberata di produttori di hardware e di software di disincentivare gli utenti a “far vivere” troppo a lungo i propri PC.
L’aggiornamento del sistema operativo, oggi, non è più solo un dettaglio. Molti software di uso professionale, a differenza di un tempo, impongono oggi un aggiornamento più rapido dei propri sistemi, sia per ragioni di sicurezza (e quindi anche di certificazioni di qualità ad essa connesse) sia per motivi di logica evoluzione del prodotto. Con l’uscita di scena di Windows XP (ai primi di aprile scade definitivamente il suo supporto), anche nel mondo del lavoro si fa sempre più strada l’idea di un aggiornamento più ciclico e frequente della dotazione informatica.

5) Non investite sulla velocità, investite sulla qualità. Non smetterò mai di ripeterlo, un PC aziendale non si valuta solo in basa alla sua velocità. Anzi spesso il clock della CPU, o la dotazione di spazio sull’hard disk sono valori di gran lunga meno importanti rispetto invece alle scelte effettuate da un costruttore per migliorarne l’affidabilità. I maggiori produttori di hardware professionale (HP, Lenovo e Dell) lo sanno bene e tendono a garantire sulle linee aziendali dotazioni hardware più sobrie, ma di qualità ben maggiore rispetto alle linee vendute per il mercato consumer. Un monitor di buona qualità, una tastiera con una buona risposta, un mouse preciso, un alimentatore che non si rompe al primo sbalzo di tensione, sono dettagli che migliorano nettamente la vostra vita lavorativa, molto più di un avvio super rapido del sistema operativo. Pretendete inoltre una garanzia adeguata all’importanza che questo strumento ha per la vostra professione: almeno due anni, con intervento sul posto entro 24 ore dalla segnalazione del guasto. Inevitabilmente, con queste premesse, rivolgetevi quindi ai grandi costruttori (come quelli che ho citato prima) e non a prodotti assemblati (anche se di buona qualità) che vi obbligherebbero a perdite di tempo eccessive in caso di guasto.
Ovviamente, queste considerazioni non sono “legge”, ma solo il frutto della mia esperienza diretta sul campo dell’informatica aziendale. Ci sarebbero tantissimi altri aspetti da prendere in considerazione, ma ritengo che almeno queste 5 regole rispondano alle esigenze di molti professionisti.
Se invece dovete acquistare un PC per il vostro tempo libero o per giocare, le considerazioni da fare sono completamente diverse.

Le migliori scelte di PC Desktop “tradizionali”

Se avete già a disposizione monitor, tastiera e mouse, una buona soluzione potrebbe essere quella acquistare solo l’unità centrale e risparmiare qualche cosa. In questa categoria di PC rientrano senza dubbio le macchine più performanti e meno “inclini” al compromesso: sono più facilmente espandibili, spesso sono dotate di CPU potenti e valide schede video, ma occupano inevitabilmente molto più spazio. Ecco la mia personale rassegna.

Nome del prodotto Valutazione Prezzo
Dell Optiplex 3040 MT Desktop Computer Dell Optiplex 3040 MT Desktop Computer
EUR 559,92
Dell Vostro 3250 SFF Desktop Computer Dell Vostro 3250 SFF Desktop Computer EUR 334,98
Dell Optiplex 3040 SFF Desktop Computer Dell Optiplex 3040 SFF Desktop Computer
EUR 456,28
HP 280 G2 3.3GHz G4400 Microtorre Nero HP 280 G2 3.3GHz G4400 Microtorre Nero
EUR 274,99
HP Elitedesk 705 G2 M9B20ET Desktop Computer HP Elitedesk 705 G2 M9B20ET Desktop Computer EUR 542,52
Lenovo ThinkCentre M700 3.7GHz i3-6100 Torre Nero Lenovo ThinkCentre M700 3.7GHz i3-6100 Torre Nero EUR 452,54
Fujitsu Esprimo P956 E85+ Desktop Computer,  Intel i7-6700, 8 GB di RAM,  HDD di 1000 GB, Intel HD Graphics 530, Windows 7 Professional Fujitsu Esprimo P956 E85+ Desktop Computer, Intel i7-6700, 8 GB di RAM, HDD di 1000 GB, Intel HD Graphics 530, Windows 7 Professional
EUR 448,50
Fujitsu Esprimo P556 E90+ Desktop Computer Fujitsu Esprimo P556 E90+ Desktop Computer EUR 231,00
Fujitsu Primergy TX1330 M1 Desktop Computer Fujitsu Primergy TX1330 M1 Desktop Computer EUR 431,50
Fujitsu Esprimo D556 E85+ Desktop Computer Fujitsu Esprimo D556 E85+ Desktop Computer EUR 325,50
HP Pavilion 550-350nl Desktop, Processore AMD Quad-Core A10-8750, RAM 8 GB, HDD da 1 TB, Scheda Video AMD Radeon R5 330 con 2 GB dedicati, Argento HP Pavilion 550-350nl Desktop, Processore AMD Quad-Core A10-8750, RAM 8 GB, HDD da 1 TB, Scheda Video AMD Radeon R5 330 con 2 GB dedicati, Argento EUR 599,99
Fujitsu Esprimo P556 Desktop Computer Fujitsu Esprimo P556 Desktop Computer EUR 219,50
Asus Ebox E410 Mini PC, Processore Intel Celeron N3150, RAM 4 GB, HDD da 500 GB, Nero Asus Ebox E410 Mini PC, Processore Intel Celeron N3150, RAM 4 GB, HDD da 500 GB, Nero EUR 314,99
Asus Asuspro D320MT-I564000554 Desktop Computer Asus Asuspro D320MT-I564000554 Desktop Computer EUR 649,99

I migliori MiniPC desktop

Se lo spazio non è molto e volete una soluzione più compatta, un mini PC può essere una soluzione vantaggiosa, soprattutto se avete già monitor, tastiera e mouse. Le prestazioni ormai sono allineate a quelle dei normali desktop, pur conservando qualche limitazione a livello di espandibilità. In alcuni casi, poi, l’assenza di ventole rende più piacevole l’utilizzo quotidiano di questi dispositivi, che risultano essere nettamente più silenziosi.

I PC All-in-one adatti per l’ufficio

Ultima rassegna proposta è quella dei PC All-in-one pensati specificatamente per l’ufficio. Per approfondire meglio questo argomento, ti consiglio di leggere il mio post dedicato a questa tipologia di dispositivi.

Questa soluzione è quella più elegante e funzionale, anche se più costosa, perché riduce nettamente gli ingombri sulla scrivania e ti libera dalla giungla di cavi che normalmente sono necessari per un normale PC.

La presenza di alcuni modelli con touchscreen, infine, rende ancora più versatile e flessibile l’utilizzo.

L’unico inconveniente di questa soluzione è soprattutto il costo: sia per il fatto di sommare tante tecnologia insieme, sia per l’ovvia esigenza di adottare componentistica miniaturizzata.

CONDIVIDI
Esperto di sistemi operativi e soluzioni Microsoft per le aziende, ma anche appassionato di viaggi, automobili e di politica internazionale. Mi occupo di Information Technology da oltre 20 anni.