Per anni relegati solo a funzioni lavorative, il videoproiettore portatile sta conoscendo una seconda giovinezza grazie alla progressiva e costante evoluzione delle linee di prodotto: grazie alla tecnologia a LED, il costo di acquisto si è abbassato, è aumentata la vita media del dispositivo e, soprattutto, la qualità e la risoluzione dell’immagine sono adatte anche per vedere un film e per giocare.

Il videoproiettore portatile per il lavoro

Il mondo del lavoro è profondamente cambiato negli ultimi anni: è sempre più comune organizzare riunioni e meeting di lavoro in posti non convenzionali o addirittura trovarsi ad improvvisare un incontro fuori sede in mancanza del supporto logistico di una sala riunioni equipaggiata con un proiettore o con tutti gli altri strumenti a cui siamo abituati.

La tecnologia ci aiuta e, benché ci obblighi a portare con noi un ulteriore gadget indispensabile per il nostro lavoro, ci mette a disposizione uno strumento davvero utile per chi è sempre in movimento: il mini proiettore portatile.

Facili da trasportare, leggeri e dotati di una loro batteria autonoma che li rende indipendenti da una presa elettrica, il mini proiettore è lo strumento ideale per proiettare su qualsiasi parete la propria presentazione Powerpoint, l’ultima videoclip aziendale o perché no, per condividere con i propri colleghi o compagni di viaggio un film.

Funzionano davvero? Quali modelli prendere in considerazione? Ecco una breve guida per capire come funziona questa tecnologia, che non è del tutto nuova, ma che ha recentemente subito numerosi sviluppi grazie al progresso delle lampade e delle batterie ricaricabili.

Come funziona un videoproiettore

Un video proiettore non è certamente un’invenzione recente. Per lungo tempo sono stati impiegati nelle sale riunioni delle nostre aziende come strumento di presentazione e, molto più recentemente, hanno fatto la propria comparsa anche in qualche salotto di casa, adottati come alternativa di grande impatto alle proiezioni della sala cinematografica.

Ovviamente il mercato è quanto mai ricco di offerte e varianti di prodotti, che garantiscono rese e qualità molto differenti, il cui unico fattore di scelta è ovviamente legato al prezzo di acquisto.

Tutti i videoproiettori, comunque, offrono più o meno lo stesso campo di utilizzo, indipendentemente dalle dimensioni:

  • lavorare come proiezioni di una slide o di una diapositiva
  • presentare un diagramma o una videoclip
  • aiutare nelle presentazioni di lavoro più evolute
  • guardare film o cartoni animati
  • giocare con i videogame
  • navigare su Internet su un maxischermo

Il campo di utilizzo di un videoproiettore è quanto meno ampio: in una classe di studenti oppure in una sala conferenze, ma possono anche essere componenti apprezzati e desiderabili di un impianto evoluto di home theatre.

La tecnologia e soprattutto la resa delle immagini, come ho già detto, ha fatto passi da gigante in questi anni, rendendo peraltro disponibili sul mercato modelli efficienti e molto più economici rispetto al passato.

La tecnologia usata in un videoproiettore

In generale, la tecnologia utilizzata da un videoproiettore può essere categorizzata in trasmissiva o riflettiva.

I proiettori LCD (Liquid Crystal Display) ricadono nella categoria dei dispositivi trasmissivi mentre i DLP (Digital Light Processing) ricadono nella categoria dei dispositivi riflettivi.

Comunque esiste anche una terza categoria di proiettori denominati LED (Light Emitting Diodes), che non rappresentano una nuovo tipo di tecnologia ma sono stati semplicemente proiettori DLP riflettivi chiamati differentemente per il tipo di sorgente luminosa che emettono.

Vediamo in dettaglio come funzionano queste tre famiglie di videoproiettori:

  • Proiettori LCD: esistono sin dagli anni 80, i proiettori LCD usano una tecnologia brevettata denominata “3 LCD”. In termini di affidabilità, la tecnologia utilizzata su questi proiettori è molto migliore rispetto a quanto offerto dai più moderni proiettori DLP, anche come qualità dell’immagine. Tuttavia, questo tipo di proiettori sono molto sensibili alla polvere e ai possibili detriti che possono peggiorare la qualità dell’immagine riprodotta.
  • Proiettori DLP: una delle caratteristiche più importanti di un proiettore DLP è che impiegano il DMD (Digital Micromirror Device), un sistema ottico che impiega fino a 2 millioni di microspecchi utilizzati per riprodurre l’immagine attraverso un fascio luminoso. Messia confronto con i videoproiettori LCD, questi proiettori richiedono molta meno manutenzione essendo resistenti alla polvere (che può però comunque alterare la gamma dei colori riprodotti) e alle condizioni particolari ambientali.
  • Proiettori LED: prendono il nome dalla sorgente luminosa che utilizzano, il loro vantaggio è quello legato alla maggiore durata della lampada utilizzata per la proiezione rispetto ad un tradizionale videoproiettore. La sostituzione della lampada, infatti, non è mai richiesta facendo risparmiare quindi molto in termini di manutenzione, anche se il loro acquisto può essere proporzionalmente più caro.

 

Altre caratteristiche da prendere in considerazione nell’acquisto di un videoproiettore

Oltre al tipo di tecnologia impiegata, ci sono altri diversi fattori o funzionalità che devono essere prese in considerazione per fare una valida scelta.

Portabilità di un videoproiettore portatile

Quando si prende in considerazione l’acquisto di un mini proiettore, l’aspetto della portabilità è senza dubbio quello più rilevante. Soprattutto per agevolare l’utilizzo in mobilità, compito per cui sono stati pensati, devono essere ragionevolmente leggeri e compatti (con un peso che non deve superare i 300 grammi circa). Esistono poi anche mini proiettori quasi completamente tascabili. La miniaturizzazione impone qualche sacrificio in termini di prestazioni e, ovviamente, incide sul prezzo di acquisto, ma è senza dubbio l’aspetto più caratteristico di un miniproiettore.

Risoluzione di un videoproiettore portatile

La qualità dell’immagine resa su di una superficie è senza dubbio un altro elemento caratteristico di un videoproiettore. Occorre però prima comprendere esattamente cosa si intenda per risoluzione e, soprattutto determinare di quale risoluzione massima abbiamo bisogno per le nostre esigenze. A differenza di un comune monitor, la risoluzione di un videoproiettore è importante sopratutto in relazione al tipo di applicazione: se si ha bisogno di un semplice strumento di proiezione delle slide, la risoluzione non conta moltissimo. Se invece dobbiamo proiettare immagini di alta qualità o intendiamo utilizzare il videoproiettore come display di un home theatre, probabilmente varrà la pena investire maggiormente su questo fattore.

Luminosità di un videoproiettore portatile

Un videoproiettore tanto più è luminoso, tanto più sarà piacevole ed efficace da utilizzare. La luminosità per molti videoproiettori compatti parte da 10 lumen, che è un valore sufficiente per proiettare su di una parete un’immagine con una diagonale pari a 24 pollici: quindi, facendo il paragone con un comune display LCD, l’immagine ricavata sarà molto piccola e inadatta ad un utilizzo in una grande sala conferenza o per condividere la proiezione fra più persone. Con una luminosità pari a 200 lumen, potremo proiettare immagini con una diagonale pari a 40 pollici. I modelli di categoria superiore sono in grado di erogare una luminosità anche di 2000 lumen, garantendo proiezioni di elevatissima definizione pur mantenendo dimensioni molto compatte, ma questo naturalmente incidendo in maniera rilevante sul prezzo di acquisto. In definitiva, quindi, la scelta della corretta luminosità di un videoproiettore compatto deve essere fatta considerando:

  1. il numero di spettatori nella sala
  2. la luce presente nella sala
  3. il tipo di parete o di telo per la videoproiezione su cui utilizzeremo il proiettore
  4. il tipo di applicazione che intendiamo utilizzare

Fattore di contrasto di un videoproiettore portatile

Benché questo valore sia sempre riportato nelle caratteristiche di un videoproiettore e possa apparire importante (lo è infatti sui normali monitor LCD), su un videoproiettore è un fattore molto meno critico, perché identifica il rapporto fra l’area di proiezione più chiara e più scura che può essere proiettata. Tale fattore gioca un ruolo chiave solo in una stanza buia solo per garantire una resa fedele delle immagini proiettate.

Connettività di un videoproiettore portatile

Il modo di connettersi ad un proiettore è un altro fattore piuttosto importante e rilevante nella scelta. Molti videoproiettori compatti sono equipaggiati con una semplice uscita video composita, altri forniscono anche un connettore SVGA. I più moderni sono equipaggiati anche con una uscita HDMI o mini HDMI. La scelta deve essere fatta tenendo presente quali siano le periferiche che intendiamo connettere al videoproiettore: un laptop (scelta molto comune) oppure un desktop, oppure un videorecorder e apparati di questo genere.

Le migliore marche di videoproiettori portatili

Nella scelta di queste periferiche, la marca del produttore è un fattore di grande importanza. Se si punta alla massima qualità di proiezione, l’investimento richiesto per l’acquisto sarà abbastanza elevato: oltre quindi alle effettive potenzialità del prodotto prescelto, dovremo accertarsi che la rete di assistenza sia presente in Italia e in grado di effettuare riparazioni anche oltre il periodo di garanzia. Se invece vogliamo acquistare uno strumento semplice ed economico, da usare solo in condizioni particolari o di emergenza, possiamo magari avventurarci in scelte più esotiche, ma spesso competitive e interessanti come funzionalità.

Quanto costa un videoproiettore portatile?

Il mercato dei mini videoproiettori è abbastanza ricco di modelli di tutte le fasce di prezzo. I fattori indicati sopra influenzano il prezzo finale di acquisto, anche se spesso e volentieri è possibile beneficiare di sconti e promozioni particolari soprattutto quando vengono introdotti nuovi modelli sul mercato da parte di un produttore. La presenza di accessori qualificanti, come slot di memoria SD, altoparlanti integrati, batterie ricaricabili, hard disk interni o addirittura un display LCD incorporato con funzioni da tablet (esistono alcuni modelli equipaggiati con Android che possono funzionare da periferica di proiezione del tutto autonoma), possono incidere maggiormente sul prezzo finale. La scelta deve essere fatta soprattutto pensando all’utilizzo finale, se si intende usare il proiettore in uno spazio al chiuso o anche all’aperto e così via.

I migliori modelli di videoproiettori portatili da prendere in considerazione

La gamma di videoproiettori di piccole dimensioni è estremamente ricca di modelli. Ne ho scelti alcuni in particolar modo, differenti fra loro per prezzo e dimensioni, dando la precedenza ai modelli più particolari o con il miglior rapporto prezzo/prestazioni.

Nome del prodotto Valutazione Prezzo
MPow proiettore LCD Mini Portable Multimedia Home Cinema con SD USB HDMI VGA MPow proiettore LCD Mini Portable Multimedia Home Cinema con SD USB HDMI VGA
Videoproiettore ideale per l'utilizzo domestico e con un prezzo davvero low-cost. Adatto per proiettare film, per giocare e per vedere foto.
Articolo non disponibile
TEC.BEAN Mini LED TEC.BEAN Mini LED Recensione
Articolo non disponibile
Crenova XPE700 DLP Pico Crenova XPE700 DLP Pico Recensione
Articolo non disponibile
Crenova XPE450 Mini Proiettore Portatile 1000 Lumen Risoluzione 800*480 Crenova XPE450 Mini Proiettore Portatile 1000 Lumen Risoluzione 800*480 Recensione
EUR 59,00
BlitzWolf 1200 Lumens LED WiFi BlitzWolf 1200 Lumens LED WiFi
Questo piccolo proiettore è una scelta molto valida come dispositivo "basic" e facile da usare. Non mancano anche le funzionalità aggiuntive come la connettività wi-fi e il supporto USB per una proiezione diretta dei contenuti. Recensione
EUR 77,99
CHEERLUX Mini Proiettore a LED 800x480 pixel 1200 Lumens CHEERLUX Mini Proiettore a LED 800x480 pixel 1200 Lumens
EUR 78,99
ELEGIANT Mini Proiettori WiFi Mini 1200 Lumen ELEGIANT Mini Proiettori WiFi Mini 1200 Lumen
EUR 95,99
iRULU Mini proiettore portatile LED Multimedia 1200 lumen iRULU Mini proiettore portatile LED Multimedia 1200 lumen Recensione
EUR 95,99
Philips Picopix PPX4010 DMD/DLP Videoproiettore Philips Picopix PPX4010 DMD/DLP Videoproiettore Recensione
EUR 209,99
ELEGIANT Bluetooth 4.0 WiFi DLP Proiettore Tascabile HD ELEGIANT Bluetooth 4.0 WiFi DLP Proiettore Tascabile HD
EUR 268,99
I picoproiettori rappresentano una categoria a sé: si tratta di modelli pensati per essere davvero portatili e non semplicemente facilmente trasportabili. Ecco i migliori modelli in commercio:



Conclusioni

I videoproiettori portatili di ultima generazione sono strumenti di tendenza e, risentendo positivamente di un sempre maggiore interesse di un pubblico non necessariamente “lavorativo” offrono caratteristiche e, perché no, anche un design spesso piacevoli: il costo però ne risente e spesso suggerisco di “badare al sodo”, orientandosi su modelli che garantiscono la funzione primaria (la videoproiezione) al meglio delle caratteristiche tecniche del momento. Altre funzionalità devono essere prese in considerazione solo in via eventuale, se appunto il compito principale viene assolto egregiamente.