Nella rete di computer, la modalità infrastruttura consente a una rete di unire i dispositivi, tramite una connessione cablata o wireless, utilizzando un punto di accesso come un router. Questa centralizzazione distingue la modalità infrastruttura dalla modalità ad hoc.

Requisiti di rete per la modalità infrastruttura

La configurazione di una rete in modalità infrastruttura richiede almeno un access  point wireless (AP). L’AP e i client devono essere configurati per utilizzare lo stesso nome di rete.

L’access point è connesso alla rete cablata per consentire ai client wireless di accedere a risorse come Internet, stampanti e alcuni dispositivi periferici. È possibile aggiungere AP a questa rete per aumentare la portata dell’infrastruttura e supportare più client wireless.

Le reti domestiche con router wireless supportano automaticamente la modalità infrastruttura; questi tipi di dispositivi includono AP integrati.

Modalità infrastruttura a  confronto con quella ad hoc

Rispetto alle reti wireless ad hoc, la modalità infrastruttura offre i vantaggi di scalabilità, gestione della sicurezza centralizzata e copertura migliorata. I dispositivi wireless possono connettersi alle risorse su una rete locale (LAN) cablata, comune nelle configurazioni  di  tipo aziendale. È possibile aggiungere più punti di accesso per migliorare la congestione e ampliare la portata della rete.

Lo svantaggio delle reti wireless in modalità infrastruttura è il costo aggiuntivo dell’hardware AP. Le reti ad hoc si connettono ai dispositivi in modo peer-to-peer (P2P), quindi sono necessari solo i dispositivi stessi. Non sono necessari punti di accesso o router per la connessione tra due o più dispositivi.

In breve, la modalità infrastruttura è tipica per implementazioni durature o permanenti di una rete. Le case, le scuole e le aziende di solito non utilizzano le connessioni P2P utilizzate in modalità ad hoc perché sono troppo decentralizzate per avere senso in quelle situazioni.

Le reti ad hoc di solito esistono in momenti di breve durata in cui alcuni dispositivi devono condividere file ma sono troppo lontani da una rete per funzionare. Una piccola sala operatoria in un ospedale potrebbe configurare una rete ad hoc per consentire ad alcuni dispositivi wireless di comunicare tra loro, ma sono ancora tutti disconnessi da quella rete e i file sono inaccessibili.

Tuttavia, se solo pochi dispositivi devono comunicare tra loro, una rete ad hoc funzionerà correttamente. Una limitazione delle reti ad hoc è che, a un certo punto, l’hardware non sarà in grado di gestire il traffico. Ciò rende necessaria la modalità infrastruttura.

Molti dispositivi Wi-Fi funzionano solo in modalità infrastruttura. Questi includono stampanti wireless, Google Chromecast e alcuni dispositivi Android. In tali circostanze, impostare la modalità infrastruttura per abilitare quei dispositivi; i dispositivi stessi devono connettersi tramite un punto di accesso.

Esperto di sistemi operativi, soluzioni per le aziende e la PA, ma anche appassionato di viaggi, automobili e di politica internazionale. Mi occupo di Information Technology da oltre 20 anni.

Rispondi