Sotto molti aspetti un Chromebook non è poi così differente da un tradizionale laptop. Ha una forma del tutto equivalente (in gergo tecnico “clamshell” cioè a conchiglia) del tutto simile a quella di un notebook tradizionale, ma è concepito per funzionare in contesti e con caratteristiche del tutto simili a quelle di un tablet: il Chromebook privilegia la connettività a Internet, la portabilità e la semplicità d’utilizzo. Il tutto abbinato spesso ad un prezzo di acquisto molto inferiore a quello di un comune notebook.

Per certi versi i Chromebook hanno conquistato quegli spazi di mercato un tempo onorevolmente ricoperti dai netbook, ma piuttosto che operare con una versione ridotta di Windows, eseguono ChromeOS, un sistema operativo sviluppato da Google e da cui deriva il nome stesso di questa categoria di prodotti. Il vantaggio competitivo di questo relativamente nuovo sistema operativo è quello di essere pensato per lavorare adeguatamente con una tastiera e di poter beneficiare di una compatibilità piena con la maggior parte delle applicazioni Android presenti su Google Play: un vantaggio non da poco, che potrebbe invogliare più di un utente a sceglierlo come strumento di lavoro quotidiano da portare sempre con sé.

Cerchiamo di esaminare quindi i pro e i contro dei Chromebook a confronto con i tablet.

Dimensioni e peso

Poiché i Chromebook sono essenzialmente laptop, con essi condividono le stesse dimensioni e la stessa forma soprattutto dei modelli ultraportatili o degli ultrabook. Il che li rende abbastanza appetibili per un uso quotidiano, ma non certamente quanto un tablet soprattutto sotto il punto di vista del peso, che raramente scende al di sotto di 1 Kg.

Il peso di un tablet è sempre più contenuto: si parte da un minimo di poco più di 200 grammi per superare (raramente) i 500 grammi di peso, circa la metà esatta di un Chromebook, a seconda delle dimensioni del display.

In definitiva, quindi, se si privilegia la portabilità, un tablet è sempre e comunque la scelta migliore.

Scelta migliore: un tablet

Display

Le dimensioni dello schermo sono del tutto variabili a seconda del modello preso in considerazione: sui Chromebook lo standard è di 10″-12″, con modelli che raggiungono anche i 11″/12″. Questi ultimi modelli offrono spesso una risoluzione di 1366×768 pixel, ad eccezione del Google Chromebook Pixel (non venduto in Italia) che offre una risoluzione di 1920×1080 pixel (Full HD), ma che costa quattro volte di più della media.

Questo Chromebook di Acer è iconico: con un display da 11.6″ e caratteristiche tipiche di questo genere di prodotti, rappresenta perfettamente il concetto dietro a questo genere di prodotti.

Sui tablet, in genere, si parte dai 7″ (formato che sta però scomparendo) per raggiungere anche i 12,9″ (iPad Pro per esempio). Tuttavia nei tablet il formato più comune è quello di 8″ (usato ad esempio da iPad Mini 4) e di 10″ (usato dal recentissimo iPad), su cui si concentra la gran parte delle preferenze degli utenti. Raramente sui modelli più piccoli di ottengono risoluzioni dello schermo di 1080p, che sono comunque più frequenti solo sui tablet di fascia medio-alta. Sugli iPad (tranne poche eccezioni) troviamo poi display Retina di elevata risoluzione che concorrono, per qualità, con i MacBook.

In generale, comunque, i Tablet utilizzano pannelli LCD (con tecnologia IPS) di migliore qualità rispetto ai Chromebook. Alcuni Tablet (soprattutto della linea Samsung) offrono anche display Super AMOLED con colori molto vividi e nitidi. In questo senso i Tablet offrono un’esperienza di utilizzo molto migliore.

Scelta migliore: un Tablet

Grazie al display SuperAMOLED, il Galaxy Tab S3 è uno dei tablet con il miglior display in circolazione: nessun Chromebook può competere.

Autonomia della batteria

Sia i Chromebook che i tablet sono disegnati per essere particolarmente efficienti dal punto di vista energetico. Offrono potenza sufficiente per affrontare i più basilari compiti quotidiani, svolgendolis pesso con un modesto consumo energetico. Anche se i Chromebook hanno dalla loro dimensioni maggiori, che lascerebbero presagire l’impiego di batterie più capienti, non riescono ad essere equivalenti dal punto di vista dell’autonomia ad un tablet, anche se più piccolo. Tanto per gare un esempio, un buon Chromebook può garantire circa 8 ore di riproduzione dei video continuative, che è un valore mediamente superato anche dai tablet più economici, che invece si attestano sulle 10/12 ore di riproduzione ininterrotta. in realtà, poi, molti Chromebook offrono batterie molto semplificate e poco efficienti proprio per tagliare il prezzo di acquisto, aumentando in maniera considerevole la distanza dai tablet.

Scelta migliore: un Tablet

Metodologia di inserimento dei dati

Il metodo primario di inserimento dei dati sul Chromebook è ancora la classica ma sempre efficiente e gradita tastiera, abbinata ad un trackpad, esattamente come un comune laptop. Cominciano a diffondersi anche i Chromebook con display touchscreen, anche se non sono molto diffusi e che, però, pagano una scarsa ottimizzazione di ChromeOS che è pensato per lavorare soprattutto con tastiera e trackpad.

La tastiera è senza dubbio uno degli appeal principali di un Chromebook: confortante, efficiente, facile da capire, è l’ideale per chi scrive molto o chi deve prendere appunti.

Il discorso si chiuderebbe qui analizzando i tablet: pensati per essere utilizzati in via prioritaria con un touchscreen, tutti sappiamo perfettamente pregi e difetti di questa tecnologia e non scenderò in maggiori dettagli. Va comunque detto, però, che grazie a dispositivi di ausilio come penne digitali o custodie dotate di tastiera (da connettersi via Bluetooth), anche i tablet offrono soluzioni alternative abbastanza valide. Se si considerano soprattutto due prodotti come il Surface di Microsoft o iPad Pro di Apple, si potrebbe pensare che questo match si potrebbe chiudere alla pari. Semmai, a giocare a sfavore di questa categoria di prodotti è solo il prezzo di acquisto: fino a 3 volte superiore a quello di un Chromebook.

Scelta migliore: un Chromebook, sopratutto se scrivete molto..

Capacità di archiviazione

Sia i Chromebook che i tablet hanno un disegno interno per lo storage molto simile. Si affidano interamente a unità a disco SSD molto compatte e veloci, di piccole dimensioni e, in genere con uno spazio di archiviazione che oscilla fra i 16 e i 32Gb. Spendendo molto di più, alcuni tablet offrono 128 Gb di spazio (quasi tutta la gamma iPad) o anche 256 Gb (come alcuni surface).

I Chromebook sono pensati per usare poco o nulla l’archiviazione locale: tutto vive o deve vivere su Google Drive, il sistema cloud principale di Google. Anche i tablet sono pensati per un uso intensivo del cloud (Dropbox, Onedrive, Google Drive o iCloud), ma l’integrazione non sempre è del tutto trasparente e, per certe funzionalità, a seconda del tipo di sistema operativo preso in considerazione (Windows, Android o iOS), la memorizzazione locale dei dati rimane essenziale.

Un fattore essenziale, infine, è quello della possibilità di espandere la memoria grazie all’utilizzo di schede di memoria microSD o alla possibilità di connettere un Pendrive ad una porta USB. I tablet spesso (ma non sempre) offrono entrambe le possibilità. I Chromebook offrono sempre delle porte USB e quasi sempre garantiscono anche uno slot per memory card SD, più grandi e veloci delle più piccole microSD, per archiviare tutto ciò che non entra sul disco locale.

Uno slot per memory card SD rimane il metodo più semplice ed economico per espandere la memoria interna. Il Chromebook, in questo, è molto più flessibile.

In conclusione, un Chromebook, comportandosi esattamente come un tradizionale laptop è sempre più flessibile sotto questo aspetto e può beneficiare di un piano cloud gratuito incluso nel prezzo.

Scelta migliore: un Chromebook

Prestazioni

Il fattore prestazioni è un argomento abbastanza complesso da affrontare se si analizzano Chromebook e tablet: a seconda del tipo di hardware e del tipo di sistema operativo impiegato, i risultati possono essere molto differenti.

In genere, sia Chromebook che tablet, usano l’architettura ARM e, molto meno frequentemente, l’architettura Intel (impiegata maggiormente sui dispositivi Windows). SOno dispositivi pensati per assolvere a compiti quotidiani abbastanza basilari, comunque inferiori rispetto a quelli di un tradizionale PC.

A parità di CPU non sempre le prestazioni di un Chromebook o di un tablet sono confrontabili: è diversa la filosofia alla base del sistema operativo.

Sulla carta, le prestazioni dovrebbe essere simili, ma in realtà tutto dipende molto dall’ottimizzazione che il produttore ha fatto di hardware e software. Sui Chromebook questa variabile si fa sentire poco, ma diventa molto più evidente sui tablet soprattutto Android. Tanto per fare un esempio: gli iPad raramente hanno caratteristiche hardware particolarmente impressionanti, ma spuntano sempre prestazioni rilevanti grazie alla perfetta integrazione della componentistica con il sistema operativo iOS.

Scelta migliore: alla pari

Software

In questo settore Google ha senza dubbio un ruolo da protagonista: ha sviluppato ChromeOS, il sistema operativo utilizzato sui Chromebook e Android, il sistema operativo più diffuso sui tablet. Pur provenendo dalla stessa azienda, i due sistemi operativi hanno vocazioni e finalità molto differenti, offrendo anche un’esperienza d’uso molto differente.

ChromeOS nasce intorno al browser Chrome e si sviluppa intorno alle sue applicazioni. Somiglia vagamente alle prime versioni di Windows e cerca di uniformarsi a quanto offerto più tradizionalmente sui notebook. Android, invece, è un sistema operativo sviluppato per dispositivi mobili che ha un ricco corredo di applicazioni sviluppate nel corso degli anni. Per inciso: ChromeOS può beneficiare delle applicazioni Android senza particolari problemi. Quest’ultimo OS, comunque, non ha certamente la fluidità di Android e a tratti soffre di rallentamente e impuntamenti di vario tipo. Anche Android, se paragonato ad Apple iOS, non offre certamente la stessa fluidità di utilizzo e piacevolezza di utilizzo. Se sommiamo anche il non trascurabile patrimonio di applicazioni sviluppate ad hoc per iPad, abbiamo almeno su questo fronte una netta predominanza dei tablet, soprattutto Apple.

Scelta migliore: un tablet (meglio se un iPad)

Costo

Il costo dei Chromebook è in genere piuttosto competitivo (fra i 200 e i 300 euro si possono comprare ottimi modelli). Il costo dei tablet è molto variabile,anche se tendenzialmente in costante aumento negli ultimi due anni. Il mercato, infatti, sembra premiare maggiormente i tablet di fascia medio-alta e l’offerta di tablet economici, dopo l’entusiamo iniziale, si è progressivamente ridotta.

Un Chromebook in genere costa poco: si può comunque optare per un modello FullHD e con una buona dotazione hardware comunque spendendo meno di 400 euro, come l’Asus della foto.

Occorre anche precisare che i tablet più recenti offrono spesso (in opzione) un ragguardevole corredo di accessori (tastiere, pennini, custodie), per rendere l’esperienza di utilizzo quanto più simile possibile a quella di un notebook. I costi lievitano e non è impensabile spendere anche cifre prossime (o superiori) ai 1000 euro per avere un modello completo di tutto.

Insomma, la convenienza economica nell’acquisto di un Chromebook c’è ed è evidente.

Scelta migliore: un Chromebook

Conclusioni

Come appare chiaro, i tablet hanno, nonostante i progressi compiuti dai Chromebook, un certo “quid” che li rende preferibili nell’acquisto. Considero molto indicata la scelta di un Chromebook per gli studenti che abbiano l’esigenza di prendere molti appunti o di scrivere tanto e che possano beneficiare di una connessione wi-fi stabile e affidabile.

Il tablet rimane invece un dispositivo più trasversale e versatile, spendibile tanto per il lavoro, tanto per il divertimento, per di più oggi espandibile ad un livello tale da poter competere anche con un laptop.

La mia conclusione è quindi semplice: meglio un tablet.

In ogni caso, ecco la mia rassegna dei migliori Chromebook attualmente in circolazione:

Bestseller n. 1
Acer Chromebook 514 CB514-1H 45W Notebook con...
1 Recensioni
Acer Chromebook 514 CB514-1H 45W Notebook con...
  • Google Chrome
  • Processore Intel Pentium Quad Core N4200
  • Display 14" FHD IPS LED LCD (1920x1080)
  • Ram 4GB DDR4, eMMC 64GB
In offertaBestseller n. 2
Acer CB3-431-C1AN Notebook PC, Display da 14',...
48 Recensioni
Acer CB3-431-C1AN Notebook PC, Display da 14",...
  • Google Chrome
  • Dispaly 14" HD LED (1366 x 768)
  • Processore Intel Celeron N3060
Bestseller n. 3
CHUWI HeroBook Ultrabook da 14,1 pollici, Intel...
34 Recensioni
CHUWI HeroBook Ultrabook da 14,1 pollici, Intel...
  • Usa Intel Atom X5-E8000 quad-core Intel Braswell, fino a 2.0 GHz, 4 GB RAM e ROM 64GB memoria (EMMC 5.1).
  • Lo schermo antiriflesso da 14.1 pollici riduce notevolmente il rischio degli occhi. Inoltre, la modalità notturna e le...
  • La tastiera di default mancano tasti speciali, come i tasti importanti, quindi CHUWI ha progettato i tasti grandi (i tasti grandi...
  • Interfaccia slot HDMI e M.2: è possibile collegare il dispositivo al proiettore tramite porta HDMI, supporto display 2K e...
Bestseller n. 4
Acer Chromebook Spin 13 CP713-1WN-P1WB Notebook...
1 Recensioni
Acer Chromebook Spin 13 CP713-1WN-P1WB Notebook...
  • Google Chrome
  • Processore Intel Pentium Gold 4417U
  • Display 13.5" IPS Multi-touch LED LCD (2256x1504)
  • Scheda Grafica Intel HD 610
Bestseller n. 5
Acer Chromebook Tab 10 D651N-K0PN 32GB Blu...
2 Recensioni

E la mia personale rassegna dei migliori tablet:

In offertaBestseller n. 1
Huawei Mediapad T5 Tablet, Display da 10.1”, 32...
962 Recensioni
Huawei Mediapad T5 Tablet, Display da 10.1”, 32...
  • DISPLAY 10.1" 1080P FULL HD - HUAWEI MediaPad T5 10 ha un display da 10.1" in 16:10 con risoluzione 1920 x 1200 e 224 PPI che...
  • ALTOPARLANTI STEREO - I due altoparlanti stereo sono potenziati dalla tecnologia HUAWEI Histen che offre un sound profondo e...
  • DESIGN SOTTILE ED ELEGANTE - Il corpo unibody in metallo è elegante e permette a HUAWEI MediaPad T5 10 di distinguersi. Leggero e...
  • PROCESSORE OCTA-CORE - Il processore octa-core ha una frequenza massima di 2,36GHz per prestazioni altissime, mentre diverse app...
In offertaBestseller n. 2
Huawei Mediapad T3 Tablet WiFi, Display da 10',...
886 Recensioni
Huawei Mediapad T3 Tablet WiFi, Display da 10",...
  • Corpo unibody in alluminio anodizzato
  • Accelerometro
  • Altoparlante incorporato
  • GPS
In offertaBestseller n. 3
7.85 Pollici Tablet Offerte LTE Android con 16GB...
62 Recensioni
7.85 Pollici Tablet Offerte LTE Android con 16GB...
  • Prestazioni Imbattibili: veloce e fantastico! Questo tablet android è equipaggiato con il più sistema operativo Android 5.1 e...
  • Archiviazione e Memoria RAM: 1GB di RAM, 16 GB di memoria, estensibile - (fino a 64GB), può soddisfare le tue esigenze di memoria...
  • Effetti visivi sempre piacevoli: Display da 7.85" in HD con risoluzione IPS 1024 x 768 pixel. Fotocamera posteriore da 5 megapixel...
  • Rimani sempre connesso: questo tablet android supporta le reti 4G LTE FDD band 3/7/20 e full band GSM, mediante slot singolo per...
Bestseller n. 4
Huawei MediaPad T5 16GB Hisilicon Kirin tablet -...
940 Recensioni
Huawei MediaPad T5 16GB Hisilicon Kirin tablet -...
  • Sveglia, calcolatrice, calendario
  • Sensore di luce ambientale
  • Combo cuffia / porta microfono
Bestseller n. 5
Apple iPad Tablet 9.7', 2048x1536 pixel a 264 ppi,...
494 Recensioni
Apple iPad Tablet 9.7", 2048x1536 pixel a 264 ppi,...
  • Altezza: 240 mm, Larghezza: 169,5 mm, Profondità: 7,5 mm
  • Peso: 469 g
  • Contenuto della confezione: iPad, Cavo da Lightning a USB, Alimentatore USB