File Transfer Protocol (FTP) ti consente di trasferire copie di un file fra due computer usando un semplice protocollo di rete basato su IP. FTP e anche il termine usato quando ci si riferisce al processo di copia dei file usando la tecnologia FTP.

Storia e come funziona FTP

FTP è stato sviluppato durante gli anni 70 e 80 per supportare la condivisione di file su TCP/IP e sulle reti più vecchie. Il protocollo segue il modello di comunicazione client server. Per trasferire dei file con FTP, un utente esegue un programma client è FTP e avvia una connessione ad un computer remoto che esegue un software server FTP. Dopo che la conneessione è stata stabilita, il client può scegliere di inviare e/o ricevere copie del file, singolarmente o in gruppo.

L’originale client FTP era un programma per linea di comando per i sistemi operativi UNIX; gli utenti UNIX eseguivano il comando ‘ftp’ da riga di comando per connettersi ad un server FTP e anche caricare o scaricare file. Una variante di FTP è stata chiamata Trivial File Transfer Protocol (TFTP) che è stato sempre sviluppato per supportare sistemi di computer a basso livello. TFTP garantisce le stesse funzioni di base di FTP ma con un protocollo semplificato e un set di comandi limitato alle più comuni operazioni di trasferimento dei file. Più tardi, software client FTP per Windows è diventato molto popolare fra gli utenti di questo sistema operativo preferendo avere un’interfaccia grafica per i sistemi FTP.

Un server FTP è in ascolto sulla porta TCP 21 per le connessioni in ingresso dai client FTP. Il server utilizza questa porta per controllare la connessione e apre una porta separata per trasferire i dati dei file.

Come utilizzare FTP per il file sharing 

per connettersi ad un server FTP, un client richiede che sia specificato un nome utente e una password così come sono state impostate dall’amministratore del server. Molti dei cosiddetti siti FTP pubblici non richiedono una password ma invece seguono una speciale convenzione che accetta qualsiasi client che utilizzi il nome utente “anonymous”. Da qualsiasi sito FTP pubblico o privato, i client identificano il server FTP sia attraverso il suo indirizzo IP (come ad esempio 192.168.0.1) o dal suo nome host (come ad esempio ftp.webconnect.it).

un semplice client FTP è incluso in molti sistemi operativi di rete, ma molti di questi client (come quello di Windows) supportano anche un comando relativamente poco semplice da utilizzare via linea di comando. Esistono molti client FTP alternativi di produttori di terze parti che sono stati sviluppati per supportare faccia grafica e aggiungere altre funzionalità interessanti.

FTP supporta due modalità di trasferimento dei dati: testo piano (plain text – ASCII) e binario. È l’utente stesso a impostare la modalità di funzionamento del client FTP. Un errore comune quando si utilizza FTP è quello di tentare di trasferire un file binario (come ad esempio un’immagine, un programma o un file di musica) quando invece il client è impostato in modalità testo, provocando l’inutilizzabilità del file trasferito.

Alternative a FTP 

I sistemi di file sharing Peer-to-peer (P2P) come BitTorrent ho fronte una modalità più sicura ed avanzata di condividere i file piuttosto che con la tecnologia FTP. Questi, unitamente ai sistemi più moderni di condivisione dei file basati su cloud come ad esempio Dropbox, hanno largamente ridotto o del tutto eliminato la necessità di FTP nel campo del file sharing. Gli sviluppatori di siti Web e gli amministratori dei server ancora hanno bisogno di utilizzare FTP su base regolare.

Esperto di sistemi operativi, soluzioni per le aziende e la PA, ma anche appassionato di viaggi, automobili e di politica internazionale. Mi occupo di Information Technology da oltre 20 anni.

Rispondi