I router di rete sono una realtà tecnologica nelle case e negli uffici già da diversi anni. Inoltre, le caratteristiche soprattutto dei router wi-fi sono cresciute nel tempo, così come le prestazioni che soprattutto negli ultimi tempi hanno visto una rapida evoluzione ed incremento. Tuttavia le funzionalità basilari richieste ad un router domestico sono sostanzialmente sempre le stesse: garantire la connettività alla rete domestica e condividere il segnale Internet per tutte le postazioni.

Il concetto di router nel mondo dell’informatica è quanto meno generica: oltre alle funzioni che conosciamo per le reti domestiche, un router svolge molti compiti cruciali per le aziende e per la connettività Internet a livello mondiale. Basta considerare solo un fatto: tutta la rete Internet si basa sul lavoro incessante di migliaia di router che gestiscono immensi flussi di traffico fra i provider, attraverso il World Wide Web.

La rete mondiale di Internet funziona grazie al lavoro di migliaia di router, interconnessi fra di loro.

I router più evoluti sono il cardine delle reti aziendali di ogni livello: senza di essi non sarebbe possibile organizzare né fisicamente né a livello di sicurezza reti così complesse e grandi. Nè sarebbe possibile, ad esempio, connettere due sedi remote anche geograficamente molto distanti fra loro.

Insomma, tutto questo dovrebbe darti una dimensione del ruolo cruciale che i router svolgono a casa, negli uffici, nelle aziende di ogni tipo, nell’industria e per la rete Internet in generale. Del resto, sai perfettamente quanto è importante il tuo router wi-fi anche a casa: senza di esso, semplicemente, ogni connessione a Internet è impossibile.

L’affidabilità è più importante della velocità

Il marketing per il mercato dei router ha puntato negli ultimi anni sul fattore velocità: per invogliare sempre più clienti ad aggiornare il proprio router con un nuovo modello, ha messo in risalto il progressivo e consistente aumento delle prestazioni. Si è passati dai 54Gbps offerti dal protocollo 802.11b per arrivare rapidamente ai 300 Mbps offerti dal protocollo 802.11n e a 1 Gbps dei correnti router wi-fi in tecnologia 802.11ac.

La realtà dei fatti è che, già oggi, un ulteriore incremento delle prestazioni dei router domestici non ha praticamente alcun valore aggiunto per la maggior parte degli utenti. Sono poche le applicazioni che possono beneficiare di un tale incremento di prestazioni: il gaming online, il trasferimento di file di grandi dimensioni continuo (realtà comune per alcuni professionisti fotografi ma poco frequente per i più). Lo stesso destino è stato seguito dalle CPU che equipaggiavano i PC desktop: nel giro di qualche anno si è più che raddoppiata la frequenza operativa delle CPU, senza che però questo incremento si convertisse in un reale e apprezzabile incremento delle prestazioni “reali” del computer.

Chiaramente i router impiegati sulla rete Internet o nelle grandi aziende beneficeranno dell’aumento delle prestazioni in maniera sensibile, ma si tratta sempre e comunque di contesti professionali molto circoscritti rispetto alla gran massa degli utenti, che forse hanno bisogno di altro.

Un punto forse trascurato nell’evoluzione dei router wi-fi domestici negli ultimi anni è senza dubbio il fattore affidabilità. Un router ad alte prestazioni, in grado di garantire le massime velocità tecnicamente oggi possibili, ma che va in crash ogni ora, è certamente molto meno utile per un utente comune di un router con prestazioni molto più modeste ma che garantisce una comprovata stabilità di funzionamento. Insomma, siamo perfettamente consapevoli che è meglio aspettare qualche secondo in più e in cambio non essere costretti a resettare troppo spesso il nostro router: per la maggior parte delle persone una rete wi-fi deve esserci sempre e comunque, senza imporre alcuno sforzo manutentivo.

Una rete wi-fi deve funzionare e basta: nessuno vuole occuparsi troppo spesso della configurazione di un router. Per questo l’affidabilità è essenziale.

Le recensioni e le esperienze degli utenti, quindi, soprattutto quando si prende in considerazione l’acquisto di un nuovo router wi-fi sono essenziali. Le caratteristiche tecniche (teoriche) dicono poco, mentre l’affidabilità, troppo spesso, non riceve l’attenzione necessaria da parte dei costruttori e produttori.

Router e modem svolgono compiti differenti

Molti utenti pensano che sia direttamente il router a collegarsi a Internet. Tuttavia, la connessione a Internet nelle reti domestiche si ottiene nella quasi totalità dei casi grazie ad un altro apparato: il modem. Che si tratti di una comune linea ADSL o di una linea VDSL (Fibra ottica) è necessario un dispositivo che sia in grado di gestire il segnale veicolato attraverso il doppino telefonico. Spesso queste due distinte funzioni si sommano e vengono integrate direttamente nel router wi-fi, che assume la definizione commerciale di “modem router wi-fi” o “router wi-fi ADSL” o “router wi-fi VDSL“: basta solo sapere che si tratta solo della somma di due funzioni “inscatolate” insieme.

Tanto per fare un esempio, i principali provider Internet in genere offrono apparati che hanno entrambe le funzioni e che sono pre-configurati direttamente per operare nelle loro reti: così funzionano gli apparati messi a disposizione da TIM, Fastweb e Wind Infostrada.

Un router wi-fi può costare pochissimo o molto per tante differenti ragioni

Comparando il prezzo di acquisto di un router, ci si accorge immediatamente che ci sono significative differenze di prezzo fra un modello e l’altro. Anche solo prendendo in considerazione le caratteristiche tecniche differenti fra un modello e l’altro è davvero complessa la ragione che porta a tali differenziazioni di costo.

Il primo fattore da prendere in considerazione è la generazione del protocollo wi-fi utilizzata dal dispositivo: ovviamente router compatibili con il “vecchio” protocollo wi-fi 802.11n costano meno di un router wi-fi 802.11ac di ultima generazione. Va considerato, però, il fatto che ormai, tendenzialmente, tutti i router immessi sul mercato saranno compatibili solo con quest’ultima generazione di protocollo che è ormai sul mercato da alcuni anni.

Anche all’interno di ciascun protocollo wi-fi esistono poi ulteriori differenziazioni di velocità. Prendiamo per esempio 802.11ac: il fattore velocità viene identificato con la sigla “AC” seguita da un numero che indica il numero di Mbps teoricamente garantiti di banda massima gestibili dal router. Quindi un router wi-fi AC con la sigla AC750 garantisce 750 Mbps di velocità, mentre un router AC1900 garantisce 1900Mbps di velocità massima teorica. Ho spiegato queste differenze su un post dedicato all’argomento.

Il fattore design svolge poi un ruolo importante anche nel segmento dei router. Non sempre un router wi-fi a casa è facilmente occultabile: per avere prestazioni ottimali, anzi, è indispensabile collocarlo in punti ben visibili e non influenzati da ostacoli naturali, pareti e altre fonti di attenuazione del segnale. Il design, quindi, si è evoluto e “ingentilito” nel tempo, introducendo forme più seducenti e colori più attraenti del caratteristico nero che per anni ha contraddistinto tutte le periferiche di rete. Tutto questo chiaramente comporta un incremento del prezzo, giustificabile solo dal desiderio di molti utenti di non avere sempre sotto gli occhi un oggetto brutto da vedere.

Il D-Link DIR-890L punta sul design sofisticato e un colore attraente, pur senza trascurare l’aspetto delle prestazioni.

Il marchio del produttore è senza dubbio un altro fattore determinante nella scelta di un router wi-fi. Alcuni produttori hanno una decennale esperienza del settore e godono di una “rendita di posizione” molto netta, spesso anche confortata da prodotti di elevatissimo livello: parliamo di router wi-fi di D-Link, Netgear, Asus e AVM. Altri produttori, invece, hanno conquistato importanti fette di mercato in tempi più recenti grazie all’eccellente rapporto prezzo/prestazioni (ad esempio TP-Link e Sitecom).

TP-Link Archer D7 è da molti mesi uno dei router wi-fi in assoluto più venduti su Amazon: pur non essendo un marchio di grande tradizione, TP-Link si è affermata grazie all’eccezionale equilibrio dei suoi prodotti.

L’espandibilità è un altro aspetto particolarmente sensibile e importante, che influiosce indubbiamente sul prezzo di acquisto di un router wi-fi. Un numero maggiore di porte Ethernet, porte USB e altre interfacce di connessione (anche eSATA per esempio per svolgere anche funzioni di NAS).

Alcune funzionalità di gestione amministrativa della rete garantite dal firmware incidono sul prezzo: ad esempio la gestione del traffico e della banda (QoS), l’implementazione di strumenti che permettono di controllare con precisione il traffico di rete, il supporto di protocolli di sicurezza e di autenticazione più sofisticati e altro ancora.

Infine, altro fattore non trascurabile, è il numero di antenne esterne previste per migliorare la copertura: soprattutto i router wi-fi 802.11ac beneficiano di un sensibile miglioramento sfruttando una tecnologia denominata “beamforming” che è in grado di orientare il segnale sfruttando un’antenna direzionale: un maggior numero di antenne potenzia nettamente l’area di copertura del segnale wi-fi.

I router wi-fi offerti dai provider Internet

La gran parte dei provider Internet italiani, comunque, tendenzialmente invogliano la loro clientela a prendere in affitto o acquistare il modem router wi-fi pronto all’uso per funzionare sulle loro reti. Altri (come ad esempio Fastweb) lo offrono gratuitamente e incluso con l’abbonamento mensile.

E’ vantaggioso beneficiare di queste offerte? Se sono gratuite sì, altrimenti no e per tante valide ragioni.

In primo luogo, ormai, la gran parte dei modem router wi-fi sono facili da configurare e sono in grado di adattarsi a quanto richiesto dal provider su cui si trovano ad operare: con pochi click funzionano.

In second luogo, spesso e volentieri, i modem router wi-fi offerti dai provider Internet sono pessimi: hanno caratteristiche datate, non offrono funzionalità interessanti e non ricevono nel tempo aggiornamenti puntuali del software.

Tutto considerato, meglio acquistare magari un router wi-fi di fascia medio bassa, ma affidabile e apprezzato dal mercato, piuttosto che vincolarsi nel pagamento di un canone per un modem router di bassa qualità che ha il solo e unico pregio di essere pronto all’uso.

Il TP-Link Archer D2 è un ottimo modem router wi-fi, capace di autoconfigurarsi con la quasi totalità delle linee ADSL italiane (TIM, Infostrada, Tiscali, ecc.) e che costa poche decine di euro. in più è compatibile con il protocollo di ultima generazione 802.11ac. Perché preferire un router di un provider?

 

Se hai bisogno di più di un router wi-fi?

In genere, per servire un appartamento di città, un router wi-fi è più che sufficiente per coprire l’intera superficie. Semmai, per migliorare leggermente la copertura, si può ricorrere a wi-fi extender per servire le zone più lontane.

Completamente diversa è la realtà invece di chi vive magari fuori città e ha case multi piano o di chi deve servire aree un po’ più ampie, anche un giardino o qualche fabbricato annesso.

In tal caso è necessario ricorre a strategie differenti per far funzionare le cose: si utilizzano due router wi-fi, si usano i sopra citati wi-fi extender o si ricorre agli adattatori powerline.

 

Gli aggiornamenti sono importanti per la vita di un router

Altro aspetto spesso trascurato dai vendor di router wi-fi è quello degli aggiornamenti: il software di gestione di un router wi-fi deve, nel corso della vita del router, essere aggiornato di continuo per garantire la chiusura di possibili falle di sicurezza, per migliorarne la stabilità o per implementare funzionalità non previste in fase di uscita.

Aggiornamenti regolari contribuiscono largamente ad aumentare il ciclo di vita del router wi-fi e costituiscono un valore indubbiamente da considerare quando si acquista un prodotto.

 

Quali modelli scegliere?

Da lungo tempo mi occupo di router wi-fi domestici. Ne ho provati moltissimi, di altri mi sono a lungo documentato. Ho compilato una lista dei migliori router wi-fi del 2017:

Nome del prodottoValutazionePrezzo
TP-LINK TL-WR841NDTP-LINK TL-WR841ND
Prodotto basic di TP-Link, adatto per utilizzi non intensivi, ma perfetto per accedere a Internet e basta. Costa davvero poco e funziona bene.
EUR 33,00
Linksys WRT54GLLinksys WRT54GL
Un router iconico, anche se ormai ha qualche anno sulle spalle: da sempre è la scelta preferita dagli smanettoni considerata la sua compatibilità con tutti i firmware Open Source presenti sul mercato. Se sei attento a queste particolarità e vuoi un router wi-fi davvero personalizzabile, questa è la scelta giusta.
EUR 47,88
D-Link DIR-842 AC1200D-Link DIR-842 AC1200
Un classico router ben fatto e molto funzionale: compatibile con lo standard 802.11AC, ha il suo punto di forza nelle quattro antenne orientabili che lo rendono molto sensibile ed efficace anche su ampie zone. Il prezzo è davvero concorrenziale, anche considerando l'affidabilità del marchio.
EUR 53,99
TP-LINK Archer C7 AC 1750MbpsTP-LINK Archer C7 AC 1750Mbps
Un prodotto davvero completo e riuscito: per chi vuole aggiornare il proprio router wi-fi senza spendere una fortuna, ma, al tempo stesso, per non rinunciare a nessuna delle funzionalità di un router wi-fi moderno e performante.
EUR 79,70
Asus RT-N66UAsus RT-N66U
Un classico router wi-fi della gamma Asus dotato di un eccellente software di gestione e di ottime caratteristiche generali. Costa il giusto ed ha un eccellente rapporto prezzo/prestazioni.
EUR 106,99
TP-Link TOUCH P5 Touch P5 AC1900TP-Link TOUCH P5 Touch P5 AC1900
Approccio innovativo per configurare un rputer wi-fi: un comodo display touchscreen permette di personalizzare ogni aspetto del router wi-fi. Tutto questo, però, innestato in router wi-fi dalle eccellenti caratteristiche tecniche e molto veloce. Il prezzo è elevato ma interessante in rapporto alle caratteristiche.
EUR 110,90
D-Link DIR-880L AC 1900D-Link DIR-880L AC 1900
Un router di fascia media che sorprende per le ottime prestazioni e l'equilibrio generale. Il tutto ad un prezzo davvero accessibile.
EUR 126,98
AVM FRITZ! Box 7560 AC1300 ADSL2+ e VDSLAVM FRITZ! Box 7560 AC1300 ADSL2+ e VDSL
Difficile capire quanto sia efficiente un router wi-fi AVM senza prima averlo provato: firmware sofisticato e ultra stabile, latenza minima e grande cura dei dettagli. In più ha una gestione sofisticatissima della telefonia VOIP, comprensiva anche di segreteria telefonica. Una scelta professionale.
EUR 130,00
Synology RT1900ACSynology RT1900AC
Il marchio Sinology non è molto conosciuto in Italia, ma negli USA è sinonimo di qualità e di prodotti semi-professionali. Questo router wi-fi è un prodotto eccellente e molto stabile: è l'ideale per un utilizzo semi-professionale, anche se costa leggermente più della media.
EUR 131,99
Netgear R7000-100PES AC1900 Mbps NighthawkNetgear R7000-100PES AC1900 Mbps Nighthawk
Il Netgear R7000 è il modello top del marchio pensato per l'utenza domestica e per i videogiocatori incalliti. Come tradizione del produttore, le sue caratteristiche di networking lo rendono un prodotto ben superiore alla media, anche se il software di gestione è un pelino complesso nella configurazione. Il prezzo è elevato, ma non deluderà chi desidera un prodotto di qualità e affidabile.
EUR 149,99